homea chi si rivolgeartigiani › acconciatori e estetisti

Acconciatori e estetisti

L’attività di acconciatore (termine comprensivo delle vecchie accezioni di “parrucchiere” e “barbiere”) comprende tutti i trattamenti e i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l’aspetto estetico dei capelli, ivi compresi i trattamenti tricologici complementari, che non implicano prestazioni di carattere medico, curativo o sanitario, nonché il taglio e il trattamento estetico della barba, e ogni altro servizio inerente, comprese le semplici prestazioni di manicure e pedicure estetico.

L’attività di estetista consiste nella prestazione di trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano, allo scopo, esclusivo o prevalente, di mantenerlo in perfette condizioni, di migliorarne e proteggerne l’aspetto estetico, attraverso l’eliminazione o l’attenuazione degli inestetismi esistenti; tale attività può essere svolta con l’attuazione di tecniche manuali, con l’utilizzo degli apparecchi elettromeccanici per uso estetico o con l’applicazione dei prodotto cosmetici; sono escluse dall’attività di estetista le prestazioni dirette in linea specifica ed esclusiva a finalità di carattere terapeutico. Sono comprese le attività svolte anche con l’utilizzo esclusivo degli apparecchi elettromeccanici per uso estetico, il bagno turco o quelle finalizzate al dimagrimento.

Non è consentito l’esercizio in forma ambulante delle attività di acconciatore e/o estetista, mentre tali attività possono essere svolte saltuariamente ed eccezionalmente presso il cliente, dai titolari di negozi da acconciatore e/o estetista o da loro dipendente incaricato, purché in normale orario di lavoro.

L’attività professionale di acconciatore può essere svolta unitamente a quella di estetista anche in forma di imprese esercitate nella medesima sede ovvero mediante costituzione di una società. E’ in ogni caso necessario il possesso dei requisiti richiesti per lo svolgimento delle distinte attività. Inoltre tali attività possono essere dislocate in pubblico locale o presso enti, alberghi, ospedali, case di cura, palestre, circoli privati, convivenze, piscine, centri medici specializzati, caserme, centri commerciali, discoteche o essere svolte presso il domicilio dell’esercente (in questo ultimo caso a condizione che i locali nei quali si esercita l'attività siano distinti e separati dalla civile abitazione e muniti di idoneo servizio igienico).


Normativa di riferimento

Attività di acconciatore:

Legge 14 febbraio 1963, n. 161;

legge 23 dicembre 1970, n. 1142;

legge 17 agosto 2005, n. 174;

decreto legge 223 del 4 luglio 2006 (Bersani), convertito dalla legge 4 agosto 2006, n. 248;

decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7 (Bersani bis), convertito con modificazioni dalla legge 2 aprile 2007, n. 40;

legge regionale 7 maggio 2012, n. 14.

Attività di estetista:

Legge 4 gennaio 1990, n. 1, Legge regionale 20 agosto 1993, n. 63, Norme e disposizioni comunali.


Vuoi avviare un'attività di acconciatore e/o estetista?

Vuoi subentrare in un'attività di acconciatore e/o estetista?

Vuoi trasferire l'attività di acconciatore e/o estetista?

Vuoi ampliare o ridurre i locali dell'attività di acconciatore e/o estetista?

Vuoi cessare l'attività di acconciatore e/o estetista?

Vuoi segnalare/comunicare altre variazioni/modifiche?

A chi si rivolge